SignorinaLave

Segnalibro/1

di in Letture

Mettersi in ascolto è come vagare in un’immensa biblioteca a cielo aperto, e per forza ci vuole un tetto di niente, perché non ci sono limiti, non si possono chiudere in una stanza o in un palazzo le storie delle cose del mondo. A volte pone i suoi problemi, perché chiede complicità e opinione, e alla fine ci si macchia anche a prendere tra le dita, pianissimo, un’ala di farfalla. Ma è la vita che è sporca. Sei ci si occupa di vita non si può restare puliti.

Beatrice Masini, I nomi che diamo alle cose, Bompiani

Dimmi un libro: facciamo un gruppo di lettura?

di in Letture

Ho deciso: voglio provare a mettere su il gruppo di lettura che ho sempre sognato. Ce l’ho in testa da un sacco di tempo e lo immagino così: scelgo un tema, ci vediamo una volta al mese e ognuno/a racconta il libro che quel tema gli/le ha fatto venire in mente. E poi, dopo una serata di risate, cose buone da mangiare e consigli appassionati, torniamo a casa con nuove storie da desiderare. Più che un gruppo di lettura, un gruppo di letture. Incontri per chiacchierare, conoscersi e condividere colpi di fulmine….continua

29

Tu chiamali, se vuoi, libri-tunnel

di in Letture

(Balcone + Crodino con una goccia di vodka polacca + Fred Vargas + patatine) Sono nella fase dei libri-tunnel, l’equivalente delle serie tv che ti costringono a chiuderti in casa e vedere un’intera stagione tutta di seguito. Quei libri che quando li finisci hai la faccia un po’ stravolta, fatta. Quei libri che ti fanno dire datemene ancora, subito. Libri-tunnel: tre esempi 1. Poco fa ho finito Annientamento di Jeff VanderMeer, primo volume di una trilogia pubblicata da Einaudi e tradotta da Cristiana Mennella, per me un mito perché è la…continua

Innamoramenti: Joan Didion

di in Letture

(Nella foto: Joan Didion nell’ultima campagna di Céline) Tra i miei libri preferiti del 2014 c’è Diglielo da parte mia. Se dovessi fare domani una classifica di preferiti 2015 ci metterei già un altro libro di Joan Didion, Democracy (E/O, traduzione di Rossella Bernascone). Ho letto Democracy pensando questo è un libro elettrico. Che vuol dire? Magari riuscissi a spiegarlo. Sai quando non puoi smettere di leggere e pagina dopo pagina ti dici quando lo finirò mi mancherà? Così. E poi i dettagli. Ho una passione per i dettagli. Democracy inizia così: La luce dell’alba durante i…continua

1

#bellemagliette

di in Su di me

(Nella foto: io che faccio finta di fare la fashion blogger grazie a Ink Your Travel) Le ragazze di Ink Your Travel mi hanno regalato una Travel Bookstee e una scusa per allungare ancora un po’ la lista dei desideri. Dei libri che hanno scelto per raccontare il tema del viaggio ne ho letti solo tre  (In Patagonia, Le città invisibili, On the Road) e adesso devo assolutamente leggere tutti gli altri. Penso che inizierò dal Signore degli Anelli. E poi, se c’è qualcosa che amo più dei libri, sono…continua

2

Libri con un sacco di orecchie

di in Letture

C’è questo libro con un sacco di orecchie, una per ogni passo che mi è piaciuto (sì, è quello nella foto). Mi sono detta: adesso li ricopio, poi scelgo i miei preferiti. È stato difficilissimo. *** Molly Ringwald non era così bella da fare la parte della protagonista, ma gli anni Ottanta erano un posto strano in cui poteva capitare di tutto, anche che il capitano della squadra di football mollasse la reginetta del ballo per stare con una sfigata coi capelli rossi che si cuciva i vestiti da sola….continua

1

Colpi di fulmine quando meno te l’aspetti: Ben Lerner

di in Letture

Motivi per cui aspettavo l’uscita di Nel mondo a venire di Ben Lerner (Sellerio): la traduzione di Martina Testa le classifiche letterarie americane di fine anno che lo citavano compatte come un libro da leggere assolutamente (sono sensibile alle classifiche letterarie americane, che ci posso fare) Cose che mi sono detta mentre leggevo Nel mondo a venire senza riuscire ad andare avanti più di tanto: vado prima a New York e poi lo leggo, così entro meglio nell’atmosfera sono in viaggio verso New York, meglio leggerlo al ritorno sono appena tornata…continua

2

Ciao, sono Valentina e ho un problema con i finali

di in Letture

(Nella foto: una pagina di Cheever.) Il mio problema con i finali dei libri è un problema serio. Tre esempi: – Trilobiti, unica e bellissima raccolta di racconti di Breece D’J Pancake (Isbn Edizioni, traduzione di Ivan Tassi): anni fa mi sono fermata prima dell’ultimo racconto e ogni volta mi dico che prima o poi lo leggerò (forse); – il ciclo dell’Amica geniale di Elena Ferrante pubblicato da e/o: non ho ancora comprato il quarto e ultimo capitolo perché poi so già che Lila e Lenù mi mancheranno moltissimo: per ritardare il…continua

6