Cit.

Ho seguito il consiglio di Enrica e invece di stare a fissare la schermata di WordPress mi sono messa a ritagliare gli articoli che mi sono piaciuti ultimamente.

C’è una citazione di Jean Cocteau che mi gira in testa da quando l’ho letta su Repubblica domenica e allora la trascrivo qui prima di andare a dormire:

La tecnica impedisce di commettere errori, e gli errori sono una cosa importantissima. È per gli errori che ci esprimiamo con violenza e, quando abbiamo polso, questi errori smettono di essere tali e si fanno talmente forti da diventare dogmi, e le persone li accettano per tali. Quando ho realizzato Il sangue e il poeta, quindi, mi trovavo a dover inventare, e molto spesso delle casualità, o degli elementi esterni che mi sembravano casuali (e che magari non lo erano), mi erano di aiuto. Così, per esempio, in studio mi prendevano in giro, cercavano di ridicolizzarmi, e la gente spazzava in modo che la polvere mi impedisse di lavorare. Il mio operatore diceva: «La lasci, la lasci la polvere», e in realtà è proprio grazie alla polvere che si vedono i raggi che la attraversano. Spesso sono stato aiutato dalle stesse persone che volevano impedirmi di fare un film, perché chi lotta contro di noi, spesso, senza saperlo ci aiuta.

(da Jean Cocteau secondo Jean Cocteau, a cura di William Fifield, Castelvecchi)

Au Revoir Simone – The Lucky One

(E adesso bisogna proprio dare una rinfrescata a questo posto. Un Extreme Makeover Blog Edition.)

Lascia un commento