In cui vi direi quali sono i miei libri dell’anno, se solo me li ricordassi

All’inizio erano solo piccoli vuoti di memoria. Me la cavavo con un quando sono a casa controllo dopo l’altro. Mi bastava dare un’occhiata velocissima alla libreria per ricordarmi i libri più belli. Poi, dopo l’ultimo trasloco, è iniziata la tragedia: avendo i libri ormai sparsi tra casa dei miei, casa dei genitori del mio fidanzato e casa nostra e soprattutto avendo portato nella nuova casa solo cose da leggere, non riuscivo più a ricordare le mie letture preferite. Solo per indicarne cinque non minimum fax per lo speciale di Natale ho impiegato ore e scelto solo quelle che avevo a portata di sguardo.

Alla fine mi sono arresa e ieri ho ripreso ad aggiornare il mio profilo aNobii.

E poi.

Le prime tre cose libresche del 2013 che mi vengono in mente

  • quando Jennifer Egan mi ha fatto una di quelle facce un po’ così che mi fa la gente quando mi vede immersa nel mio smartphone/iPad e mi ha detto tu twitti veramente tanto, eh?.
  • tutto il circo del premio Strega: quando sono tornata nella mia città per la presentazione della dozzina e mia madre ha accolto Alessandro e Paolo Cognetti a colpi di mozzarella di bufala; quando sono stata alla Fondazione Bellonci per la votazione della cinquina e ho visto cose che voi umani (compresa un’astrologa che mi ha predetto il futuro); quando dopo la cinquina, uscita dalla Fondazione Bellonci, non riuscivo a smettere di piangere; quando sono sopravvissuta alla finale al Ninfeo nonostante i tacchi e il vino bianco; quando ho letto la dedica che Paolo mi ha scritto sul Nuotatore poco dopo lo Strega (e ovviamente ho pianto di nuovo).
  • tutte le chiacchiere con Rossella e Alessandro, perché prima o poi gireremo una serie sull’ufficio dell’ufficio stampa di minimum fax e perché non dimentico mai quanto sono stata fortunata ad averli incontrati.

Mi dite le vostre?

Auguri (e dita incrociate, sempre).

Baustelle – Fantasma (tutto l’album)

3 Commenti

  • 5 gennaio 2014 Rispondi

    Io ho iniziato l’anno con Sofia, bellissimo, e poi Stanno bene tutti tranne me, commovente.
    Per quanto riguarda la musica anche per me Fanrasma.
    ciao

    • valentina aversano 5 gennaio 2014 Rispondi

      Stanno tutti bene tranne me l’ho amato molto anche io (e l’ho inserito anche nello speciale natalizio di minimum fax). Sofia è ormai un pezzo di cuore, ma se non hai ancora letto Una cosa piccola che sta per esplodere fidati di me e recuperalo al più presto. :)

      • 6 gennaio 2014 Rispondi

        Sarà tra i prossimi libri da divorare. Lo trovassi in libreria…
        Grazie!
        Buon anno a te.

Lascia un commento