Dimmi un libro: facciamo un gruppo di lettura?

dimmi un libro

Ho deciso: voglio provare a mettere su il gruppo di lettura che ho sempre sognato. Ce l’ho in testa da un sacco di tempo e lo immagino così: scelgo un tema, ci vediamo una volta al mese e ognuno/a racconta il libro che quel tema gli/le ha fatto venire in mente. E poi, dopo una serata di risate, cose buone da mangiare e consigli appassionati, torniamo a casa con nuove storie da desiderare.

Più che un gruppo di lettura, un gruppo di letture. Incontri per chiacchierare, conoscersi e condividere colpi di fulmine.

Ho già il nome, delle idee sui temi, un logo work in progress (grazie alla sempre bravissima Emanuela Oliva) e una serie di sorprese che non vedo l’ora di preparare. Vorrei partire a settembre.

Ho un dubbio: dove lo faccio a Roma?

E soprattutto: ti piace? Vorresti partecipare?

29 Commenti

  • Stella 21 luglio 2015 Rispondi

    A Bergamo no?! Bellissima idea, bel desiderio realizzabile… Ti auguro di farcela ma non ti servono gli auguri….. Aspetto con ansia l’inizio del progetto! Stella

    • valentina aversano 23 luglio 2015 Rispondi

      Non sono mai stata a Bergamo, sarebbe un’ottima scusa. :) Grazie, Stella!

  • raffaella 21 luglio 2015 Rispondi

    Che bello! Facciamo a Viterbo?!

    • valentina aversano 23 luglio 2015 Rispondi

      Magari! Vorrei fare almeno un paio di test a Roma, poi se scopro di esserne capace, lo porto anche in giro. :)

  • Bice 21 luglio 2015 Rispondi

    Io verrei. Potresti farlo itinerante. Torino, Milano, Bologna, Firenze, Roma, Napoli.

    • Veronica 22 luglio 2015 Rispondi

      Noi ci siamo ci piace tantissimo l’idea!

      • valentina aversano 23 luglio 2015 Rispondi

        Grazie! Senza di voi non sarebbe lo stesso, ve lo dico già! Se avete suggerimenti su chi/cosa potrebbe ospitarci, battete un colpo. :)

    • valentina aversano 23 luglio 2015 Rispondi

      Sarebbe bello, sai? Devo solo trovare un mecenate. :)

  • Camilla 22 luglio 2015 Rispondi

    Ciao Valentina,
    la tua è un’ottima idea. Essere lettrici non vuol dire sprofondare nelle ragnatele del silenzio e dell’isolamento. Condividere e confrontarsi, a mio parere, è il modo migliore di apprezzare davvero un libro. Ho una proposta: vista la dislocazione delle lettrici in tutta la penisola, perché non valutare un gruppo di lettura con riunioni periodiche su Skype? Lo so, è meglio incontrarsi di persona, ma per quello si potrebbe optare per la versione itinerante suggerita da Bice. In ogni caso, mi piacerebbe partecipare.

    • valentina aversano 23 luglio 2015 Rispondi

      Forse su ti sembrerà un paradosso, ma su Skype mi vergognerei moltissimo, ehm. :)
      Vorrei tanto riuscire a portarlo in giro: speriamo! :)

  • Una Snob 22 luglio 2015 Rispondi

    La sfiga si non stare a Roma.

    • valentina aversano 23 luglio 2015 Rispondi

      Vengo a farlo a domicilio, che problema c’è? :)

  • Francesca 23 luglio 2015 Rispondi

    Io sto a Roma e ci verrei volentierissimo :) meglio ancora se in zona San Giovanni :D

    • valentina aversano 23 luglio 2015 Rispondi

      Ottimo! Hai anche suggerimenti su un posto che potrebbe ospitarci? Io vorrei comunque stare a portata di metro. :)

  • Ari 23 luglio 2015 Rispondi

    beh io partecipo volentieri! :)

    • valentina aversano 25 luglio 2015 Rispondi

      Socia, sei a Roma? Davvero? Oh!

  • Ivano 28 luglio 2015 Rispondi

    Io sono a Roma, e parteciperei molto volentieri ;-)

    • valentina aversano 28 luglio 2015 Rispondi

      Ciao Ivano, grazie! Tu dove lo faresti? Si accettano suggerimenti. :)

      • Ivano 29 luglio 2015 Rispondi

        Sinceramente non lo so ;)
        L’anno scorso ho fatto un corso di scrittura creativa con la Holden a Eataly e ci siam trovati bene perché lì c’è una sala ad hoc per questo genere di cose. Però, sinceramente, non so se possa fare al caso nostro e soprattutto non so come ci si dovrebbe muovere per le autorizzazioni e per gli eventuali costi.

        Comunque, al di là di tutto, ribadisco la mia presenza. Non ci conosciamo, però leggo il tuo blog da un po’ e mi piace il tuo modo di vivere la narrativa. La tua idea del gruppo di lettura mi è piaciuta subito molto :)

        • valentina aversano 29 luglio 2015 Rispondi

          Da Eataly mi sa che non è possibile, però l’idea di un posto che non sia necessariamente una libreria mi piace. :)
          Grazie, Ivano!

          • nina 4 agosto 2015

            anche qui una voce per il gruppo skype! sarebbe bellissimo!nina

          • valentina aversano 5 agosto 2015

            Grazie! Però paradossalmente mi sembra più facile organizzarne uno dal vivo. Ehm. :)

  • claudia 10 agosto 2015 Rispondi

    Ciao Lave,
    che bella scoperta il tuo blog!
    Appena approdata e già mi sento a mio agio tanto da dirti:
    Io lo faccio il gruppo di lettura, nel mio studio (dove scrivo) a san giovanni. Si chiama tè letterario perché è nato nel 2007 per giocare alle vecchie signore che parlano di libri davanti a tazze di tè e ovviamente a tutto il resto rigorosamente ad alto tasso di zuccheri e colesterolo.
    Siamo state ferme esattamente un anno e a Settembre riprendiamo.
    Io se vuoi ti invito e se poi ti senti stretta e vuoi una mano per estenderlo in un luogo più grande tu inviti me.
    che ne pensi?
    Claudia

    • valentina aversano 18 agosto 2015 Rispondi

      Ciao Claudia, grazie! Volentieri: aspetto istruzioni. :)

  • erre 22 agosto 2015 Rispondi

    Ciao Valentina, l’idea è bellissima ma io temo di essere troppo timida per partecipare e dire la mia davanti a molte persone, anche se ti leggo dai tempi di Splinder e mi piacerebbe tanto conoscerti :) Per il luogo mi sento di suggerire AntiCafè in zona S. Giovanni.
    Un saluto, R.

    • valentina aversano 23 agosto 2015 Rispondi

      Certo che devi venire! Prometto di non forzare nessuno a intervenire. :)
      L’AntiCafè mi piace, ma non vorrei far pagare chi partecipa. Argh!

  • Pingback: » Leggere, fantasticare, crescere

  • baba 23 settembre 2015 Rispondi

    Io arrivo sempre in ritardo, però arrivo. A questo punto, avrai già organizzato tutto. Comunque, mi vien in mente Altroquando (banale, lo so). Almeno non ti costringe ad improbabili orari da pensionati (Perché non partecipi mai al nostro gruppo? Ci vediamo alle 16 in biblioteca. Sì, vabbè…)

  • Francesco 5 marzo 2016 Rispondi

    Lo avete poi fatto il gruppo di lettura? mi interesserebbe molto partecipare , fatemi sapere.Grazie

Lascia un commento