secret santa

I #3FattiDiOggi su Twitter

All’inizio c’erano i #3FattiDiOggi: nati per caso, per fermare nel bene e nel male giornate che mi sembravano un po’ tutte uguali. Li scrivevo tutte le sere nelle Stories di Instagram, ma sono arrivati anche su Twitter, grazie a Clara.

Lì sono diventati qualcosa di diverso perché piano piano è nata una vera comunità, quella dei #3Facters: sera dopo sera, le persone hanno iniziato a rispondersi, a fare il tifo per le belle notizie e a mandarsi incoraggiamenti per quelle brutte.

Poi a Chiara è venuta una bellissima idea: lanciare un Secret Santa, un modo per far sentire ancora più vicine persone sconosciute che ogni giorno condividono gioie e battaglie piccole e grandi, in un diario collettivo che non è solo un racconto ombelicale o un selfie, ma un modo per entrare in relazione, per arricchirsi delle esperienze più diverse e, soprattutto, per ricordarsi che no, non siamo soli.

Chi ha accettato di partecipare ha lasciato il proprio indirizzo e ha ricevuto a sorpresa quello di un destinatario: è partito un giro di lettere, cartoline e bigliettini scritti a mano, tra l’Italia e l’estero, in una specie di piccola magia per accompagnare l’arrivo delle feste.

Io l’ho spedito ad Alice a Barcellona e oggi ho ricevuto il mio da Francesco da Roma: è una lettera che mi ha commosso perché contiene parole bellissime e le foto delle sue stupende gemelle, nate nello stesso ospedale di mia figlia. Probabilmente viviamo anche nello stesso quartiere e non lo sappiamo.

Mentre la leggevo mi si è stretto il cuore e mi sono sentita per un attimo in un film di Natale: dico spesso che le persone sono il regalo più importante di questo 2018.

In questi mesi belli e faticosi di vita da mamma mi sento spesso isolata: sapere che a fine giornata ritroverò storie che mi stanno facendo affezionare è una certezza che mi fa sentire meglio.

E poi mi piace che sia una comunità che cresce da sola: io non ho fatto niente, ho solo dato senza saperlo una piccola spinta. Mi piace pensare che dovesse andare così, che queste persone a un certo punto fossero destinate a conoscersi.

Per il 2019 mi auguro davvero di incontrarle dal vivo.

 

(Foto: Ben White via Unsplash)

2 Commenti

  • Bea 24 Dicembre 2018 Rispondi

    Per me questo blog e la tua presenza sui social è stato un bel regalo di questo 2018!
    I 3 fatti mi tengono compagnia la sera/notte ed è piacevole scoprire che sono (quasi) sempre le cose semplici che riscaldano il cuore delle persone!
    Buona Vigilia!!!! :)

  • Pingback: Non è mai un mese normale • Trent'Anni e Qualcosa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.