Menu
Consigli / Letture

Parola di libraio: Furore di John Steinbeck

i protagonisti del film The Grapes of Wrath tratto dal romanzo di Steinbeck

Quando Alessio Zambardi decide che devi leggere un libro, sa essere molto convincente. Non ti racconta mai troppo, ma fa di tutto per accendere la tua curiosità: con me ci riesce sempre.

Sono andata a ripescare un vecchio numero della sua newsletter per farvi un esempio concreto. Ve lo assicuro, lui è proprio così.

Nella puntata precedente ci ha parlato di Alba de Céspedes: adesso poi ditemi se non vi viene voglia di leggere Furore.

(A chi mi ha chiesto come si fa a ricevere la newsletter carbonara di Alessio: scrivetegli una mail e ditegli che vi mando io.)

Furore

di Alessio Zambardi

– Ciao, vorrei leggere un “grande romanzo americano”.
– Che ne dici di Furore di Steinbeck?
– Ok. Già letto. Un altro?
– Letto prima del 2014? Con la vecchia traduzione?
– Sì.
– Allora rileggilo. Quella che tu hai letto è una traduzione del 1940, con tutti i tagli e le modifiche che il fascismo ha potuto fare, e ti assicuro: ha tagliato e modificato parecchio. Praticamente tu “non” hai letto Furore.
– E dammelo, va! Ma la Bompiani se n’è accorta nel 2014 che è caduto il fascismo?
– Eh, già! Uno zinzinello in ritardo. 

– Ciao, c’è un libro che mi spiega il fenomeno dell’emigrazione attraverso il Mediterraneo?
Furore
– Ma è ambientato negli Stati Uniti!
– Beh, sostituisci “banche” con “occidente”, “Oklahoma” con “Africa”, “Route 66” con “Mediterraneo”, “okie” con “negro” e “California” con “Italia”. Ti sarà tutto chiaro. 

– Ciao, devo fare un regalo ad un amico leghista.
Furore

– Ciao, ho voglia di leggere un premio Pulitzer.
Furore

– Ciao, devo fare una tesi sullo sfruttamento dei lavoratori.
Furore

– Ciao, devo far capire ad un amico cosa vuol dire essere gentili anche con quelli che non si conoscono.
Furore

– Ciao, voglio un libro che mi calpesti lo stomaco e che mi prenda a schiaffi!
– Sicuro?
– Sì.
Furore

– Ciao, ce l’hai un libro lento, anzi lentissimo, tipo che ci vogliono 120 pagine per mettere in moto un camion puzzolente e malandato?
Furore

– Ciao, hai presente quella canzone di Bruce Springsteen che-
Furore

– Ciao, fai fotocopie?
Furore

– Ciao, ce l’hai un lib-
Furore

– Ciao
Furore

– C
Furore

– Ciao. Questa è la Libreria il Mattone? Tu sei Alessio?
– Sì, ciao. Entra pure.
– Sto cercando Furore di Steinbeck.
– Ahi, mi spiace. Appena venduta l’ultima copia.
– Quindi? L’hai finito?
– Ahem, sì. Oggi ne ho vend-
– Ma non puoi rimanere senza Furore!
– Sì, lo so. Il fatto è che-
– Ma che fatto e fatto. Mi avevano parlato bene di questa libreria, invece arrivo qui e non c’è uno dei pilastri della letteratura mondiale!
– Guardi l’ho subito messo in ordin-
– Non mi interessa, poi dici che uno compra su Amazon! Addio.

(Immagine: una scena del film di John Ford tratta dal romanzo, da qui)

0 Commenti

    Lascia un commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.