Menu

Cosa faccio

Mi piace stare online per studiare, condividere, ascoltare, scoprire, inventare, raccontare, incontrare, connettere: lo faccio per lavoro e per i miei progetti personali.

Sono stata la responsabile della comunicazione web della casa editrice minimum fax: prima mi sono occupata di contenuti per campagne pubblicitarie non convenzionali e portali tematici. Adesso sono formatrice e consulente freelance e mi occupo di comunicazione digitale soprattutto per la cultura.

Ho aperto il primo blog nel 2003: adesso scrivo qui, sono Twitter, Instagram e Linkedin (non amo molto Facebook) e curo una newsletter e un diario vocale.

Condivido quello che ho imparato nel mio lavoro tenendo lezioni a corsi e master universitari, online e dal vivo: mi interessa confrontarmi con chi partecipa e ragionare insieme su percorsi professionali e punti di vista diversi.

Faccio da moderatrice a festival letterari e presento autrici e autori: non mi stanco mai di parlare di libri, anche leggendoli in pubblico ad alta voce.

Mi piace aiutare le persone a trasformare le idee in progetti, soprattutto culturali e creativi: se ti va di fare una chiacchierata e collaborare, scrivimi.

Un po’ di progetti personali

#3FattiDiOggi è il mio diario quotidiano: ogni giorno condivido su Instagram e Twitter tre cose che voglio ricordare. Ho iniziato a settembre 2018 e, fatto dopo fatto, ho scoperto anche le storie di chi ha deciso di raccontarsi insieme a me. 

Pesto è il mio diario vocale: condivido quello che penso e che vivo e dedico ogni puntata a progetti e persone che mi colpiscono. Se ti va, puoi ascoltarmi su Telegram o cercarmi su Spotify.

La seconda domenica del mese spedisco Basilico, una newsletter che racconta una cosa che ho scoperto, una cosa che ho imparato e una cosa che mi ha fatto cambiare idea. Ci si iscrive qui.

Da marzo 2019 coordino il gruppo di lettura Strategie Prenestine insieme a Carola Moscatelli: ci incontriamo una volta al mese per discutere delle letture condivise e organizziamo incontri e progetti per fare cultura a Roma.

Dicono delle cose che faccio